Tutti gli articoli di Paolo Paternoster

SPENDING REVIEW: IL GOVERNO ANTIDEMOCRATICO CANCELLA LA SOVRANITÀ DEL VENETO SUI COMUNI DI CONFINE

L’ormai famoso decreto sulla spending review, (ai commi 21 e 22 dell’articolo 12, sulla revisione della spesa pubblica), ha di fatto cancellato l’Odi, l’organismo di indirizzo che gestisce i fondi per lo sviluppo dei comuni di confine, che –a costo zero per quanto riguarda le spese – gestiva circa 80 milioni di euro, che rappresentano la somma necessaria ai comuni veneti confinanti con le province di Trento e di Bolzano. Il Decreto appena varato interessa da vicino anche molti comuni veronesi: Brentino Belluno, Dolcè, Sant’Anna d’Alfaedo, Erbezzo, Ferrara di Monte Baldo, Malcesine. “La decisione del Governo- ha spiegato il consigliere Provinciale della Lega Nord Ivan Castelletti- su questo tema dei comuni confinanti, è del tutto inaccettabile.  Queste risorse nel progetto originario dovevano garantire risorse economiche ai comuni per sviluppare e programmare progetti per valorizzare il territorio e realizzare opere prioritarie attese da decenni. Nonostante le polemiche degli ultimi mesi, questi fondi rappresentavano una speranza per molti piccoli comuni, in attesa di ottenere il federalismo fiscale”.  “Ora, nel decreto sulla spending review- spiega Ivan Castelletti-, viene praticamente Continua la lettura di SPENDING REVIEW: IL GOVERNO ANTIDEMOCRATICO CANCELLA LA SOVRANITÀ DEL VENETO SUI COMUNI DI CONFINE

Venturi e gli ambientalisti sul Lago di Garda

“Leggo con piacere le dichiarazioni del Sindaco di Peschiera Umberto Chincarini, in merito al tavolo in via di definizione per lo spostamento della TAV nella zona del Basso Lago.

Non entro nel merito della questione del tracciato, che spetta ad altri miei colleghi di Giunta, che comunque, personalmente, può trovarmi d’accordo sulla ricerca di una soluzione condivisa con il territorio e con RFI, ma senza ritardi per questa fondamentale infrastruttura, indispensabile per lo sviluppo del trasporto su ferro, per la riduzione del trasporto su gomma e per la ricaduta in termini di lavoro attraverso i cantieri ad essa collegati.

Mi riferisco invece alla condizione posta dal Sindaco Chincarini, sulla non-presenza, a quel tavolo, di associazioni ambientaliste, o pseudo-tali, che da sempre osteggiano politicamente e a priori ogni iniziativa di sviluppo sul nostro territorio. Sono d’accordo con lui. Non abbiamo bisogno di ‘no a priori’ Continua la lettura di Venturi e gli ambientalisti sul Lago di Garda

IN PROVINCIA LA LEGA NORD PRENDE POSIZIONE A DIFESA DEI PICCOLI COMUNI CHE DAL 2013 SARANNO OBBLIGATI AL PATTO DI STABILITA’!

Riusciranno i piccoli comuni con meno di 5000 abitanti a rispettare il patto di stabilità per il 2013? Questa è una delle grandi preoccupazioni che stà mettendo in allarme i tanti sindaci dei piccoli comuni. Su questo tema, revisori dei conti dei comuni e responsabili dei servizi finanziari, sono in allerta per verificare gli effetti e le conseguenze sui bilanci. Sul questo tema il consigliere provinciale della Lega Nord Ivan Castelletti ha presentato un ordine del giorno per portare all’attenzione del consiglio provinciale, quanto succederà, dal 2013, con l’estensione dei vincoli finanziari (quindi con il patto di stabilità) per i Comuni con popolazione tra i 1.000 e i 5.000 abitanti, che finora erano rimasti esclusi. “Il fatto di estendere – spiega Castelletti-, il patto Continua la lettura di IN PROVINCIA LA LEGA NORD PRENDE POSIZIONE A DIFESA DEI PICCOLI COMUNI CHE DAL 2013 SARANNO OBBLIGATI AL PATTO DI STABILITA’!

BRAGANTINI (LN), RIDICOLO IL COMPORTAMENTO DEL PD SULL’IMU

“Il Partito democratico prima ha appoggiato e votato il governo che ha introdotto l’Imu. Non contento ha bocciato un emendamento e un ordine del giorno proposto dalla Lega Nord che impegnava l’esecutivo a prevedere la possibilità per i comuni di equiparare alla prima casa gli edifici dati in comodato gratuito ai propri familiari e di concedere più pertinenze collegate alla prima casa. Addirittura ha respinto un semplice Continua la lettura di BRAGANTINI (LN), RIDICOLO IL COMPORTAMENTO DEL PD SULL’IMU

Giustizia: Lega Nord, no alla chiusura tribunale Legnago (VR) Monti fa solo cassa.

“La geografia giudiziaria per Monti risponde a criteri arbitrari e anomali utili solo a fare “cassa” nell’immediato. Lo dimostra la decisione di eliminare il tribunale di Legnago, che nell’amministrazione della giustizia locale ha già perso il giudice di pace, per inglobarlo nel tribunale di Rovigo”.

A dichiararlo e’ il vicecapogruppo della Lega Nord alla Camera, Alessandro Montagnoli, primo firmatario di un’interrogazione rivolta al ministro della Giustizia e sottoscritta anche dai colleghi veronesi onorevoli Bragantini, Martini e Negro.

” I numeri parlano chiaro – dice Montagnoli – si intende chiudere più di 600 uffici di giudici di pace rispetto a un’esigenza reale di meno di 200, mentre si intendono sopprimere 160 sezioni distaccate rispetto a meno di 40 necessarie. Continua la lettura di Giustizia: Lega Nord, no alla chiusura tribunale Legnago (VR) Monti fa solo cassa.