Archivi categoria: Fabio Venturi

Borgo Roma e il bronx

‘Parole sante quelle del Comandate Altamura ieri in Commissione consiliare in Comune. Nessuna emergenza Borgo Roma, anzi. Purtroppo ciclicamente leggiamo che il nostro quartiere è un “bronx”. Espressione che ci accompagna dagli anni ’80. E che probabilmente mai perderemo. Per mesi Borgo Roma è rimasta indenne da grossi episodi di criminalità, e non ci siamo permessi di dire che finalmente siamo diventati un Quartiere tranquillo. Da anni le nostre Forze dell’Ordine, tutte, con la collaborazione costante di istituzioni e cittadini, stanno sradicando la criminalità da questa zona, con risultati eccezionali, ben migliori di altri quartieri. Ma evidentemente questo non fa notizia. Soffriamo per chi ha subito queste rapine (un tabaccaio è anche un caro amico), perchè sappiamo quanto terribili siano quei minuti e quanto lungo sia il periodo di “recupero” da questo shock. Confermo quanto ho detto ad alcuni cronisti: non chiederò ulteriori Forze dell’Ordine, perchè la loro presenza è costante e visibile (oltre a quella “invisibile”); sul territorio della 5° Circoscrizione operano tutti: Polizia (Commissariato, Volanti, Poliziotti di Quartiere, Polizia Stradale), Carabinieri (stazione di Cà di David, Radiomobile, Carabinieri di Quartiere), Finanza, Esercito, Polizia Provinciale, Polizia Municipale (compresi i Vigili di Quartiere). Tutti i giorni e a tutte le ore. A mio avviso chiedere più Forze dell’Ordine è come “lavarsene le mani”. Anche perchè dobbiamo chiederci se poi le loro hanno “le mani legate”…. Serve più attenzione e più collaborazione da parte nostra, da parte di tutti noi cittadini, questo serve. Ricevo spesso segnalazioni di persona, via mail o al telefono su luoghi, fatti o persone “strane”, e con le Forze dell’Ordine si verificano tutte queste segnalazioni, anche se infondate. Dobbiamo fare questo, dobbiamo anticipare i problemi, chiamare i numeri d’emergenza, annotarci targhe o volti, per aiutare le Forze dell’Ordine. Invece qualche volta qualcuno si gira dall’altra parte, per non vedere. E poi, però, ha il tempo per parlare di “bronx”.’

Venturi e la Discarica di Valeggio “Cà Baldassarre”

Credo che sulla questione della possibile nuova discarica di Valeggio (“Cà Balestra”) si stia facendo una becera campagna elettorale. Anche questa settimana in un incontro pubblico a Quaderni mi risulta siano state dette cose sbagliate. Ci sta tutto in campagna elettorale, ma almeno bisogna dire la verità.

Accusare il sottoscritto, il Movimento nel quale milito, il Sindaco di Verona Tosi (qualcuno mi spiegherà cosa c’entra….), il nostro candidato Sindaco Pecoraro, e altri, di “appoggiare questo progetto” è un bruttissimo modo di fare politica. La scorsa settimana, su richiesta di alcuni candidati della Lega Nord, ho avuto modo di confrontarmi a Quaderni con alcuni membri del comitato e sono certo, per chi è in buona fede, che la mia posizione sia chiarissima.

Ricordo infine che la Provincia di Verona ha già dato parere negativo, attraverso la Commissione V.I.A. in data 03/08/2012 (che allego), poi confermato dalla Giunta (su mia proposta – nonostante la mia assenza per motivi personali) in data 30/08/2012. Credo che sia sufficiente per chiarire il campo da qualsiasi dubbio. Il resto sono solo bugie. Che hanno le gambe corte…

Venturi: Firmato protocollo per discarica Ca’ Filissine

“L’Assessore Regionale Maurizio Conte ha firmato mercoledì il protocollo d’intesa tra Regione Veneto, Provincia di Verona e Comune di Pescantina.

Era l’ultima firma che mancava. Ora potranno essere svincolati i fondi residui, circa 800mila euro, del precedente protocollo.

Grazie a questo accordo il Comune di Pescantina potrà dunque riprendere le operazioni di prelievo e smaltimento del percolato presente all’interno della discarica di Ca’ Filissine a Pescantina, e scongiurare così ogni rischio ambientale.

Diverso discorso è invece quello del progetto di bonifica e messa in sicurezza della discarica: il Comune di Pescantina ha presentato una proposta integrativa e migliorativa sulla quale sta lavorando la Commissione VIA Regionale, che mi auguro possa arrivare presto ad un giudizio sulla compatibilità (o meno) ambientale del progetto, al fine di poter aver finalmente uno scenario chiaro sul futuro di questo sito.”

IL VICEPRESIDENTE DELLA PROVINCIA FABIO VENTURI INTERVIENE SU “SS434” E “ANAS”

‘I “crateri” disseminati sull’asfalto che ormai da settimane danneggiano decine di veicoli in transito sulla SS434, oltretutto con grave rischio per gli automobilisti, ci fanno capire come questa strada, e il suo atteso completamento verso la città, non siano affatto importanti per ANAS, che da anni sta lasciando la 434 nell’incuria, tra buche sulla carreggiata e rifiuti nelle piazzole.

Invece di intervenire per chiudere immediatamente le pericolosissime buche, che anche oggi hanno costretto decine di automobilisti a sostituire gli pneumatici danneggiati, ANAS ha pensato bene di ridurre in molti tratti il limite di velocità da 110km/h a 70 km/h, in modo da mettersi al riparo da eventuali, quanto legittime, richieste di risarcimento danni . E le buche sono ancora lì.

Lentissima o addirittura immobile quando è il momento di dare, ANAS è invece velocissima quando è il momento di prendere. Mi riferisco alla “caccia” indiscriminata scatenata da ANAS, attraverso una società di recupero crediti di Messina, nei confronti di migliaia di cittadini per riscuotere gli ingenti importi sui passi carrai, specialmente sulla SS12 del Brennero: canoni, tra l’altro, già pagati legittimamente ai Comuni.

E allora cosa fare? Pretendere da Roma, dal Ministero e da ANAS le risorse per mantenere efficiente l’arteria stradale e per realizzarne il completamento fino alla città? E c’è da aspettarsi il sostegno dei parlamentari veronesi nei confronti del prolungamento della 434, un’opera da circa 50 milioni di euro che ANAS dovrebbe investire nel nostro territorio, quando proprio l’altro-ieri un neo-eletto parlamentare veronese del M5S dichiarava “siamo contrari a qualsiasi grande opera”?

Quindi, se le risorse non arriveranno, cosa più che probabile purtroppo, bisognerà decidere cosa fare: lasciare tutto così o, trattandosi di un’opera fondamentale per la città e per la provincia di Verona, costruire il prolungamento della SS434 fino a Basso Acquar in project financing?

Nel frattempo la prossima settimana, come Lega Nord, ci confronteremo con i colleghi on.Matteo Bragantini, Carla De Beni (Assessore Provinciale alla Viabilità), Enrico Corsi (Assessore Comunale alle Infrastrutture) e i Consiglieri Provinciali “di zona” Giuseppe Stoppato, Mirko Bertoldo e Maurizio De Lorenzi per definire un percorso concreto per i problemi di questa arteria e per la Variante alla SS12, al fine di coinvolgere, in modo operativo, tutti i parlamentari veronesi e gli enti interessati per cercare una soluzione condivisa per queste due grandi opere, che purtroppo dipendono economicamente da Roma.’

Venturi e il Polo Ovest

“Dopo qualche giorno da spettatore ritengo sia arrivato il momento di provare a fare una sintesi, o almeno una proposta, riguardo il dibattito in corso sul futuro della Provincia di Verona, di quella di Rovigo e sul ‘Polo Ovest’. Già questa estate mi sono permesso di ‘lanciare’ la proposta di lavorare ad un Polo Ovest di Verona con Vicenza per riequilibrare il Veneto, per tanti anni sbilanciato ad Est, sulla famosa asse Padova-Treviso-Venezia. Allora, come oggi, confermo che Verona e Vicenza debbano rimanere autonome, come peraltro le altre 5 province del Veneto, confermando la linea chiarissima del mio Movimento, e dunque la mia e nostra speranza è che la Provincia di Rovigo rimanga tale. Ma se il Governo, anzi il Parlamento (visto che il Decreto dovrà essere convertito in legge entro Capodanno, e, come si suol dire, “me bala n’ocio” che ci riuscirà….), procederà con la fusione di Verona e Rovigo, la proposta è ancora più consistente: un polo ad Ovest con Verona-Rovigo unite in un’unica Provincia e un’asse forte con Vicenza, che a mio avviso è giusto che mantenga la sua autonomia e non venga ‘fusa’ con Verona. Dunque creare una città metropolitana di Verona-Vicenza-Rovigo (vorrebbe dire un’unica Provincia) non è una proposta che mi entusiasma, anzi, e che rischia di dividere più che unire, e perderemmo mesi a dibattere sugli ‘equilibri di fusione’; mentre un accordo forte tra Verona-Rovigo e Vicenza a mio avviso è la strada più concreta, veloce e utile per creare in tempi brevi il famoso Polo Ovest, che potrebbe aiutare la ripartenza economica del nostro territorio. E magari anche politica.”

Venturi e gli ambientalisti sul Lago di Garda

“Leggo con piacere le dichiarazioni del Sindaco di Peschiera Umberto Chincarini, in merito al tavolo in via di definizione per lo spostamento della TAV nella zona del Basso Lago.

Non entro nel merito della questione del tracciato, che spetta ad altri miei colleghi di Giunta, che comunque, personalmente, può trovarmi d’accordo sulla ricerca di una soluzione condivisa con il territorio e con RFI, ma senza ritardi per questa fondamentale infrastruttura, indispensabile per lo sviluppo del trasporto su ferro, per la riduzione del trasporto su gomma e per la ricaduta in termini di lavoro attraverso i cantieri ad essa collegati.

Mi riferisco invece alla condizione posta dal Sindaco Chincarini, sulla non-presenza, a quel tavolo, di associazioni ambientaliste, o pseudo-tali, che da sempre osteggiano politicamente e a priori ogni iniziativa di sviluppo sul nostro territorio. Sono d’accordo con lui. Non abbiamo bisogno di ‘no a priori’ Continua la lettura di Venturi e gli ambientalisti sul Lago di Garda