Archivi categoria: news

La Lega Nord boccia il Bilancio

Il Bilancio del Comune di Verona è stato bocciato dalle 8 Circoscrizioni. Voteremo contro anche in Consiglio Comunale. Manifestiamo grave preoccupazione, in particolare, per i tagli effettuati nel Piano triennale delle Opere pubbliche, in seguito alla predisposizione dell’emendamento sul project financing dell’Arsenale. Vengono eliminate voci fondamentali per la sicurezza dei cittadini: manutenzione di edifici scolastici, abbattimento delle barriere architettoniche, manutenzioni di strade, piazze, marciapiedi, aree verdi, impianti sportivi ed edifici pubblici. Vengono, inoltre, effettuati tagli alla manutenzione della segnaletica stradale. Facciamo presente che la segnaletica di attraversamenti pedonali e incroci sui manti stradali è in molti quartieri ormai invisibile. Non si può trascurare la sicurezza stradale. È da irresponsabili. Tagliare, poi, 550 mila euro per gli interventi sulle reti fognarie delle acque bianche è uno schiaffo a tutti quei cittadini veronesi che hanno subito gravi danni nelle loro abitazioni e attività economiche a causa del nubifragio di fine luglio 2016. La sicurezza dovrebbe venire al primo posto. È invece gravemente trascurata ad ogni livello. Facciamo infine notare che le opere pubbliche in città sono totalmente ferme da quasi 5 anni. Esaminando l’elenco delle opere inserite nel 2012, primo anno della seconda Giunta Tosi e confrontandole con quelle di quest’anno si nota che quasi nessuna voce è cambiata. Ciò significa che quasi nessuna è stata finanziata. Siamo consapevoli che gran parte delle responsabilità sono da attribuire ai tagli degli ultimi Governi agli enti locali e alle folli regole del patto di stabilità ma almeno il Comune si concentri sulle vere emergenze: scuole, strade, marciapiedi, reti fognarie e segnaletica stradale. Sono interventi fondamentali e non vanno trascurati. Queste saranno le nostre priorità perché ne va della sicurezza dei nostri cittadini.

Il Segretario cittadino Lega Nord, Paolo Tosato

Il Presidente del Consiglio Comunale, Luca Zanotto

I Consiglieri di Circoscrizione Lega Nord Dino Andreoli, Vito Comencini, Gianluca Soldo

++ ELEZIONI PROVINCIALI 2017 ++

Vengono eletti per la Lega Nord Verona nella lista “Centrodestra Verona” alle elezioni del consiglio provinciale i militanti e consiglieri comunali Matteo Pressi e Albertina Bighelli.
Primo dei non eletti Pierangelo Zorzi.

Un grazie a tutti per il lavoro e l’impegno.

Paolo Paternoster, segretario provinciale Lega Nord Verona

ZAIA CONTRO TUTTI – venerdì 17 aprile ore 20.30 Gran Guardia

Un’intervista a porte aperte quella che terrà Luca Zaia venerdì prossimo alle ore 20.30 presso l’Auditorium della Gran Guardia di Verona.

Il presidente, candidato per le prossime elezioni regionali, si confronterà sui temi più caldi del momento in un incontro scontro moderato da alcuni giornalisti.

L’incontro che sarà aperto a tutti i sostenitori, militanti e a chiunque desideri partecipare, avrà luogo nella sala dell’auditorium della Gran Guardia di Verona in piazza Bra’.

“Un nuovo momento d’incontro con il Presidente Luca Zaia rivolto alla città di Verona – spiega Paolo Paternoster, Segretario della Lega Nord di Verona – una serata per capire meglio come il candidato intenda muoversi sul territorio e per parlare dei tanti temi che stanno a cuore ai veronesi”.

Ulteriori dettagli sull’incontro saranno veicolati nei prossimi giorni.

Segreteria provinciale

Lega Nord Verona

Grande adesione per l’iniziativa leghista “CHIEDO ASILO ANCH’IO”

“Raccolte migliaia di firme in questo week-end. Una grande adesione e un segnale forte di cambiamento. Era da anni che non registravamo un’adesione così grande, oltre 75 gazebi solo sul nostro territorio e i numeri parlano da soli”. Così il Segretario Provinciale della Lega Nord Verona, Paolo Paternoster commenta i primi risultati arrivati in sede in serata dopo la due giorni di gazebata leghista.

“Un successo inaspettato, per il quale ci tengo a ringraziare personalmente ogni militante e ogni singola sezione della provincia che si è attivata nel migliore dei modi per confrontarsi sul territorio con i nostri cittadini, per farli aderire all’iniziativa promossa dalla segreteria federale della Lega Nord chiedo asilo anch’io e per sostenere oggi, più che mai la candidatura di Luca Zaia alle prossime elezioni regionali. Un ringraziamento speciale – commenta Paternoster – lo voglio fare a Matteo Salvini, per la sua presenza sul territorio nella giornata di sabato e per la disponibilità dimostrata.Grande entusiasmo quello che ha animato le sezioni leghiste – conclude il segretario di Verona – tantissime persona  hanno sottoscritto i moduli e si sono tesserati per la prima volta, non potrei essere più contento del risultato”.

I numeri del weekend – Sono stati oltre 75 i gazebi organizzati su territorio veronese e migliaia i moduli di richiesta di asilo politico compilati. A questi numeri si aggiungono centinaia di nuovi tesserati che tra sabato e domenica hanno deciso di avvicinarsi alla Lega Nord. Segno questo di un grande desiderio di cambiamento e di rivolta profuso grazie all’impegno del nostro leader Matteo Salvini e a tutto il team leghista che quotidianamente si impegna a lavorare.

Segreteria provinciale

Lega Nord Verona

Salvini tour nel veronese

Giornata fantastica quella di oggi trascorsa in compagnia del Segretario Federale Matteo Salvini che ha fatto partire il suo mini tour per la raccolta firme #CHIEDOASILO proprio da Verona. 

PUBBLICHIAMO QUI LE FOTO DELLE TAPPE MA VENITE A CERCARVI SUL PROFILO FACEBOOK LEGA NORD VERONA (pagina pubblica – https://www.facebook.com/pages/Lega-Nord-Verona/1417376605238870?ref=hl ) da domani tutti gli album e aggiungete anche i vostri!

1 PRIMA TAPPA ore 10.00  Valeggio sul Mincio

DSC_0739

 

SECONDA TAPPA  ore 11.30 al Mercato dello Stadio di Verona

DSC_0797

TERZA TAPPA ore 12.00  Monteforte d’Alpone

DSC_0827

QUARTA TAPPA ore 13,00 PRANZO da Sandro

DSC_0837

 

Seconda Epurazione ai danni dei leghisti veronesi

COMUNICATO STAMPA

Seconda Epurazione ai danni dei leghisti veronesi

La seconda epurazione colpisce il Cda Agec.

Spostando l’obiettivo dal direttore generale al Cda qualcuno pensava di aggirare l’ostacolo ma è bene spiegare come sono andate le cose in casa Agec. Dario Pomari ex consigliere Agec non ci sta e spiega: “il vero problema dell’azienda era il direttore generale, e a sostenere questo è stata l’autorevole voce della professoressa Cacciavillani. Di tutta risposta al posto di chiedere le sue dimissioni si sono chieste quelle del Cda con un Presidente Galli Righi, che non ha perso tempo a rassegnare anche le sue dimissioni”.

Ma ricordiamoci perchè il Cda non funziona, e i motivi per cui l’azienda è diventata ingestibile. Siamo in presenza di un parere autorevole che indica la revoca della nomina del direttore generale Maria Cristina Motta come unico atto di autotutela verso una nomina considerata illegittima, peraltro la seconda che ha visto negli ultimi anni coinvolta la persona della dott.ssa Motta. Ma richiedere ora le dimissioni del Cda dopo un primo parere Pro-Veritate richiesto dal Consigliere Colognato e approvato dalla maggioranza (4 su 5 consiglieri) a seguito del parere della dottoressa Cacciavillani che ha dichiarato illegittima la nomina del direttore generale con indicazione di revoca dello stesso in auto tutela, con un’unica voce discordante quella del Presidente Galli Righi e una seconda richiesta di parere proposta dal consigliere Pomari Dario, sempre con maggioranza favorevole come sopra, per verificare se la stessa potesse nelle more tra la revoca e la nuova nomina di futuro legittimo Direttore Generale svolgere la carica di direttore facente funzioni è a onor del vero vergognoso, e ancor più vergognosi i fatti che sono succeduti a queste richieste, perchè di tutta risposta si sono posti all’ordine del giorno dell’ultimo consiglio di amministrazione volutamente disertato 3 punti, uno più grave e importante dell’altro: 1. approvazione del bilancio aziendale; 2. nuovo organigramma aziendale; 3. costituzione di parte civile nei confronti del precedente consiglio di amministrazione.

“Perchè non si è provveduto ad attendere il secondo parere della prof. Cacciavillani? Perchè tutta questa fretta nel decidere organigramma e costituzione di parte civile? Se non per fa riconoscere indirettamente e/o inconsciamente il ruolo della Dott.ssa Motta nella legittimità del suo ruolo e per coprire al contempo il Presidente Galli Righi che ha stipulato un contratto economico alla stessa, all’insaputa del Cda. Perchè – si chiede poi Pomari – continuare a far operare un direttore generale illegittimo e chiedere al Cda di dimettersi, come se il problema fosse il Cda? Perchè non è stato chiesto ai consiglieri non presenti il perchè della loro voluta mancata presenza? Vi spiego io il motivo – incalza Pomari – Se così avessero proceduto avrebbero dovuto sfiduciare il presidente del Cda unico e vero responsabile di questa situazione e non i consiglieri dello stesso! Ma chi vogliamo prendere in giro? Noi consiglieri? I dipendenti Agec o forse i cittadini?

Perseguire queste strade contorte, subdole con unico fine di operare altra epurazione politica dei non filo-tosiani oramai è chiaro al mondo intero. All’evidenza dei fatti nessuno lo può negare.

Vedremo ora a Cda azzerato chi saranno i meritevoli che saranno riconfermati, i fidi scudieri, vedremo chi saranno i componenti che vorranno prendersi le responsabilità civili e penali di continuare su queste strade”.

Forse non tutti l’hanno letto infatti, ma da altre forze politiche è stato depositato un esposto proprio sul modus operandi della nomina del direttore generale Maria Cristina Motta. Un esposto che ha tratto ragione da quanto scritto nero su bianco dalla professoressa Cacciavillani: chi nomina illegittimamente una persona a danno di altri compie un reato, un abuso d’ufficio.

Dall’inizio il consigliere della Lega Nord si è opposto a questo modus operandi e come risultato ha ottenuto: epurazione politica, che dicano quello che vogliano, che si nascondano dietro ad un dito, ma oramai nessuno potrà più credere loro.

“Hanno perso di credibilità di fronte a tutti – conclude Pomari – di fronte agli ex consiglieri, ai dipendenti Agec e a tutti i cittadini che ben più furbi di quanto loro possano pensare sanno leggere anche dietro le quattro righe pietose di giustificazioni e cause che dichiarano”.

 

Segreteria provinciale

Lega Nord Verona

 

Salvini a Verona – domani sabato 11 aprile le tappe

LE TAPPE DI SALVINI IN VENETO – GAZEBATA #CHIEDOASILO

Il Segretario Federale Matteo Salvini a Verona – oggi sabato 11 aprile

Partirà proprio da Verona il Segretario Federale Matteo Salvini e più precisamente da Valeggio sul Mincio ore 10.00; per arrivare verso le ore 11.00 al Mercato dello Stadio di Verona. Gli amici di Monteforte d’Alpone lo attenderanno per l’aperitivo prima del pranzo quando poi Salvini passerà in terra vicentina per proseguire il suo tour Veneto.

Lega Nord Verona 11-12 aprile prima il cittadino poi il clandestino

Lo Stato italiano ospita i clandestini in hotel spendendo per ognuno di loro oltre 1.000 euro al mese. Una vergogna nei confronti dei tanti cittadini italiani disoccupati e senza casa.

La sinistra ci racconta che l’operazione mare nostrum non ha incentivato gli sbarchi FALSO nel 2014 sono sbarcati oltre 170 mila immigrati, 4 volte quelli del 2013. La sinistra sostiene che sono profughi che scappano da guerre e persecuzioni FALSO Solo 1 su 10 ottiene lo status di rifugiato politico. Ritengono poi che tra i richiedenti asilo ci siano tante donne e miniori. Altra FALSITA’ il 92% è di sesso maschile e il 94% sono maggiorenni.

È con questi temi che la Lega Nord scende in piazza per far aprire gli occhi ai cittadini italiani e dare loro la possibilità di fare qualcosa. Compilando i moduli di richiesta di asilo politico e facendoli recapitare alle prefetture di tutta Italia speriamo che il governo Renzi la finisca di nascondere i problemi – spiega il Segretario della Lega Nord di Verona Paolo Paternoster. Lo Stato italiano regala ai clandestini oltre 1.000 euro al mese e poi ha il coraggio di tagliare su Sicurezza, Sanità, Assistenza Sociale e mettere a rischio le pensioni degli italiani? Ecco perché invitiamo tutti a scendere in piazza ed aderire alla manifestazione federale!”

Programma su Verona – Crescono di ora in ora il numero dei comuni veronesi pronti ad appoggiare la forte iniziativa lanciata dal Segretario Federale Matteo Salvini. Le varie segreterie di circoscrizione di partito si stanno infatti muovendo e si registrano oltre 70 circoscrizioni leghiste pronte ad aderire.

Per info in merito all’evento visita il sito www.chiedoasilo.org

“LA PRIMA EPURAZIONE DI TOSI”

Paolo Paternoster, Segretario Provinciale della Lega Nord Verona non si è visto rinnovare, il mese scorso, dopo cinque anni di prestazione gratuita, l’incarico di Amministratore unico del Polo Fieristico Veronese. Il mandato, in scadenza nel mese di marzo, non è stato infatti aggiornato ed è proprio per questo che il segretario provinciale definisce il fatto come “La prima, e non ultima epurazione di Tosi. Ho la netta sensazione che sia solo la prima di molte altre che si ripeteranno a breve nei confronti di capaci amministratori della Lega Nord. Non trovo parole differenti per definire l’atto – tuona Paternoster. Ho lavorato per cinque anni in maniera proficua dando alla società ottimi risultati, sia in termini economici sia di espansione e sviluppo societario futuro. Abbiamo raggiunto importanti risultati grazie all’impegno di tutti. Cinque anni d’intenso lavoro a fianco del mio consulente, che ringrazio pubblicamente per la preziosa collaborazione professionale, sincera e instancabile. Ammetto però che non mi aspettavo diversamente. Questo non fa altro che confermare i miei sospetti su tante cose, ma non nego che un semplice “grazie” da parte dell’amministrazione me lo sarei aspettato. Sono certo però che il mio lavoro sarà apprezzato dai cittadini veronesi, visto l’impegno che ho profuso in questi anni e sottolineo, a costo zero”.

Segreteria provinciale

Lega Nord Verona

 

Approvata mozione della Lega Nord contro chiusura Uffici Postali

Altro successo in casa Lega Nord 

“L’approvazione di tutte le mozioni sulla proroga delle chiusure della poste è una vittoria della Lega! Abbiamo infatti obbligato il parlamento a esprimersi presentando la nostra richiesta per primi. Era il tre marzo quando poi a ruota gli altri gruppi ci hanno seguito. Ancora una volta abbiamo dimostrato che conoscere le problematiche dei territori è fondamentale per attuare una buona politica che favorisca davvero i cittadini. I servizi postali sono fondamentali soprattutto per gli anziani e per i cittadini che vivono in aree svantaggiate come quelle montane. Con la nostra mozione abbiamo ottenuto il differimento dell’entrata in vigore del piano di razionalizzazione, se sarà attuato questo accadrà solo dopo una completa concertazione di Poste con le regioni e gli enti locali. Inoltre, l’impegno che abbiamo ottenuto è quello di rivedere i criteri di razionalizzazione che oggi non tengono conto del numero di anziani e della qualità del servizio di trasporto pubblico e infine, il governo dovrà agire  nei confronti di Agcom affinché riveda i parametri per tutelare le aree svantaggiate e le frazioni dei comuni montani”.

 

Segreteria provinciale

Lega Nord Verona

 

“CHIEDO ASILO” GAZEBATA LEGA NORD 11-12 APRILE

comunicato stampa –GAZEBATA LEGA NORD 11-12 APRILE – Salvini in tour

“La rivolta della gente perbene” così il leader della Lega Nord Matteo Salvini definisce la manifestazione della Lega‘Chiedo asilo’ che si terrà l’11 e il 12 aprile in più di 1000 piazze italiane. La segreteria provinciale veronese, Lega Nord Verona si organizza a fianco del segretario federale, Salvini per un weekend all’insegna della chiarezza e della presa di posizione.

A presentare l’evento il Segretario Provinciale Lega Nord Verona Paolo Paternoster; il coordinatore provinciale del Movimento Giovani Padani di Verona, Vito Comencini; l’assessore e commissario di sezione Lega Nord di Valeggio sul Mincio Vania Valbusa; il vice-Sindaco di Oppeano, Alessandro Montagnoli; il segretario di sezione Lega Nord di San Pietro in Cariano, Ilaria Zampini e il segretario legnaghese Luciano Giarola.

I comuni veronesi in cui sarà possibile trovare il gazebo per aderire alla manifestazione federale “Chiedo asilo” saranno oltre 60. Qui sarà possibile firmare la richiesta di asilo politico attraverso dei moduli speciali che saranno poi recapitati alle prefetture di tutta Italia.

“Ogni segreteria di circoscrizione nella provincia di Verona si sta organizzando per seguire nel suo comune l’evento – spiega il segretario provinciale Paolo Paternoster. L’adesione è stata alta visto che questo è un tema caldo e da non sottovalutare. La situazione – aggiunge Paternoster – è ingestibile ed è ora di agire. Ecco quindi che siamo a chiedere ai cittadini di richiedere gli stessi diritti degli immigrati irregolari sbarcati sulle nostre coste. Una prova di forza che vogliamo vincere per la nostra gente”.

Il programma – Due le giornate previste per raccogliere le richiesta di asilo politico, SABATO 11 APRILE E DOMENCA 12 APRILE e proprio nella giornata di Sabato tramite un tour speciale Matteo Salvini scenderà in piazza con il Segretario Provinciale Lega Nord Verona Paolo Paternoster e i militanti leghisti veronesi. (il programma e le tappe saranno trasmesse in un secondo comunicato).

Elenco Comuni veronesi leghisti in cui sarà possibile trovare il gazebo: Borgo Roma e Cà di David, Borgo Venezia (2), Golosine e Santa Lucia, S. Michele e Porto Pancrazio, Vapantena e Valsquaranto, Verona Centro (3), Verona Ovest (3), Fumane, Negrar, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, San Pietro in Cariano, Sant’Anna d’Alfaedo, Affi, Bardolino, Bussolengo, Caprino Veronese, Castelnuovo del Garda, Cavaion Veronese, Costermano, Lazise, Malcesine,  Peschiera del Garda, Rivoli Veronese, San Zeno di Montagna,  Sommacampagna, Sona (4), Val d’Adige, Badia Calavena, Bosco – Cerro, Caldiero (2), Colognola ai Colli, Erbezzo, Grezzana, Illasi, Lavagno, Montecchia di Crosara, Monteforte d’Alpone, Roncà (2), Roverè Veronese, San Giovanni Ilarione, San Martino Buon Albergo (2), San Mauro di Saline, Selva di Progno, Soave, Tregnago, Velo Veronese, Vestenanova, Albaredo d’Adige, Arcole, Belfiore, Cologna Veneta, Isola Rizza, Isola Rizza, Oppeano, Palù, Ronco all’Adige (2), San Bonifacio, San Giovanni Lupatoto, Veronella, Zevio, Zimella, Bovolone, Buttapietra (2), Castel d’Azzano, Concamarise (2), Isola della Scala, Mozzecane, Povegliano Veronese, Salizzole, Trevenzuolo, Valeggio sul Mincio, Villafranca di Verona, Angiari, Bevilacqua, Bonavigo, Casaleone, Castagnaro, Cerea, Gazzo Veronese, Legnago, Minerbe, Nogara, San Pietro di Morubio, Terrazzo, Villa Bartolomea. (La lista non è da considerarsi completa,  a questi altri si stanno aggiungendo).

Per info in merito all’evento visita il sito www.chiedoasilo.org

Segreteria provinciale

Lega Nord Verona

DSC_0731